• Dott. Stefano Manera

La candida

Signore e signori, ecco a voi la Candida.


Di solito si pensa che la candida sia solo quella vaginale e che si sistemi con gli ovuli o poco più.

È importante sapere che se c'è candida vaginale, nella maggior parte dei casi essa è presente in modo anomalo anche a livello intestinale, in convivenza con una disbiosi di vario grado.

La Candida può interessare anche i maschi, che spesso non hanno però una manifestazione esterna come avviene per le donne.

La Candida non è altro che un lievito che vive da commensale nel nostro intestino.


In TUTTI gli intestini.


Se però l’equilibrio del microbiota intestinale viene compromesso, ecco che la furbetta si sveglia e inizia a proliferare in modo incontrollato, mutando in fungo, creando dei tentacolini che penetrano la mucosa intestinale aderendovi e creando delle piccole fessure (leaky gut).

Ovviamente la candida prolifera in un organismo già in qualche modo debilitato, intossicato o in acidosi.

Come se non bastasse, la candida, che è molto vorace, quando digerisce gli zuccheri che adora, poi “vomita” sostanze estremamente tossiche per il nostro corpo, come l’acetaldeide, che intossicano ed indeboliscono i nostri organi e tessuti.


Quali sono quindi i sintomi più frequenti della candidosi intestinale?


▪️voglia di dolci e carboidrati in generale

▪️stitichezza o diarrea

▪️feci appiccicose

▪️gonfiore dopo i pasti

▪️dolori addominali

▪️dispepsia

▪️stanchezza e spossatezza

▪️alterazioni cutanee

▪️micosi a unghie o sulla pelle

▪️mughetto in bocca

▪️sensazione di malessere generale

▪️ricorrenti infezioni vaginale, alla prostata o al glande

▪️cistiti ricorrenti

▪️depressione e irritablità

▪️sbalzi di umore

▪️sensazione di non essere più se stessi

▪️vertigini

▪️letargia

▪️poca concentrazione e memoria

▪️sindrome premestruale

▪️irregolarità del ciclo

▪️calo della libido

▪️stomatiti, afte, tagli agli angoli della bocca

▪️alitosi

▪️mal di testa e cefalee

▪️reazioni ad alimenti

▪️artrite

▪️dolori muscolari insoliti

▪️prurito anale


Cosa può determinare la candidosi intestinale?


▪️Abuso di antibiotici

▪️Alimentazione ricca di alimenti raffinati e zucchero

▪️Disbiosi intestinale

▪️Riduzione dell'efficienza immunitaria

▪️Pancreas "affaticato", che non è il diabete, ma una difficoltà a produrre sufficiente insulina

▪️Eccessivo stress

▪️Sindrome metabolica, leggi infiammazione di basso grado


Esistono esami per diagnosticare la candidosi intestinale?


▪️Sì, ma sono poco specifici e spesso danno un falso negativo

▪️La diagnosi è prevalentemente clinica

▪️Sono utili gli esami del così detto "panel" dell'infiammazione intestinale


Per debellare la candidosi è indispensabile agire su più fronti:


▪️Curare adeguatamente il benedetto Terreno

▪️Rimettere la Candida nei ranghi con opportuni fitoterapici

▪️Contrastare la sua proliferazione con opportuni probiotici e ripopolare il microbiota con opportuni probiotici e alimenti probiotici fermentati

▪️Non nutrirla con zuccheri, lieviti, alimenti raffinati e non solo - > alimentazione anti-Candida

▪️Migliorare la digestione con opportuni enzimi

▪️Rafforzare il sistema immunitario

▪️Disintossicare l'intestino e il fegato

▪️Evitare antibiotici, inibitori di pompa, estroprogestinici, corticosteroidi, fumo di sigaretta, eccetera

▪️No al fai da te!

▪️Rivolgetevi al vostro medico di fiducia che, in seguito a idonea visita, saprà darvi i giusti consigli


A breve un post sulle regole alimentari e sui cibi consentiti e vietati in caso di candidosi intestinale.


Buona giornata!





(c) Dott. Stefano Manera

0 visualizzazioni

Dott. Stefano Manera

Tel: 370 1386088

  • Dottoriico
  • whatsapp
  • Facebook Social Icon
  • LinkedIn Social Icon

P.IVA 09663120963

© 2016 by Stefano Manera . Proudly created with Wix.com